Seguici su Facebook  Seguici su Twitter  Seguici su Google Maps  Feed RSS Reologia
Influenza della granulometria sulla viscositÓ di sospensioni ceramiche
74.zip Autori: R. Lapasin , S. Marcaccioli
Presentato al: VII Convegno Nazionale Di Reologia Applicata
Anno: 2001
Volume: Unico - Issue: Unico
Casa Editrice: Arti Grafiche Landi
Lingua: Italiano


Abstract
La viscositÓ delle sospensioni concentrate dipende fortemente dalla concentrazione e dalle condizioni strutturali della fase dispersa, oltre che dalle condizioni di campo (dagli sforzi e gradienti di velocitÓ). Se la fase dispersa contiene una frazione significativa di particelle fini, appartenenti al campo colloidale, le interazioni interparticellari diventano importanti e, di conseguenza, altrettanto importante diventa l'azione di agenti disperdenti aggiunti al sistema per modificare il potenziale di interazione delle particelle. Se tale azione Ŕ efficace, la presenza di aggregati Ŕ trascurabile ed in questo caso anche le caratteristiche granulometriche delle singole particelle solide possono giocare un ruolo importante sulla viscositÓ della sospensione, tanto pi¨ significativo quanto pi¨ alta Ŕ la concentrazione volumetrica di fase solida, ovvero quanto pi¨ essa si avvicina al limite superiore, corrispondente alla condizione di massimo impaccamento. Ne consegue che si pu˛ ridurre, in misura anche notevole, la viscositÓ di un sistema, mantenendo costante il suo contenuto di fase solida, e modificando soltanto la distribuzione granulometrica sý da aumentare il valore massimo di concentrazione possibile. Tale operazione Ŕ particolarmente efficace quando si pu˛ ottimizzare la distribuzione granulometrica attraverso la miscelazione di due o tre frazioni di particelle monodisperse di differenti dimensioni. A questo proposito esistono diversi studi sperimentali ed approcci modellistici che possono indirizzare la formulazione della miscela ottimale 1-12. Diverse sono le situazioni che pi¨ frequentemente si incontrano in vari settori industriali, e tra questi quello ceramico, nei quali le fasi solide impiegate nella formulazione delle sospensioni hanno, all'origine, una distribuzione granulometrica ampia.

Attenzione la lettura completa dell'Abstract e il download dei file è riservata esclusivamente ai Soci dell'Associazione Italiana di Reologia.

Se sei un Socio ti preghiamo di effettuare il login se non lo hai già fatto

Nel caso non fossi un Socio dell'Associazione Italiana di Reologia ti preghiamo di visitare la sezione "Iscriviti all'Associazione" per procedere alla registrazione