pantarei@sir-reologia.com

Caratterizzazione del processo di compressione di materiali farmaceutici: approcci empirici e reologici

Sommario Le compresse, la forma farmaceutica più diffusa, sono preparate mediante il processo di compressione, tramite il quale due punzoni esercitano una pressione su miscele di polveri o granuli caricati all’interno di uno spazio confinato. Nonostante l’apparente semplicità del processo, esso non è esente da problematiche che in alcuni casi lo rendono di difficile applicazione. In particolare, la buona riuscita […]

I globuli rossi influenzano il trasporto dei drug carrier nella microcircolazione

Sommario Nonostante i numerosi studi nel campo delle nanotecnologie per la progettazione di nano-terapeutici, le barriere biologiche al trasporto di farmaci incontrate nella circolazione sanguigna rappresentano un grande problema, impedendo l’efficiente trasporto del farmaco ai tessuti/organi danneggiati. Uno degli step fondamentali del viaggio della microparticella verso il target è il trasporto nella microcircolazione sanguigna, dove avviene l’interazione con le cellule […]

Polisaccaridi funzionalizzati con porzioni alchiliche: sintesi, caratterizzazione reologica ed applicazioni biomediche

Sommario L’introduzione di catene idrofobiche sul backbone polimerico di alcuni polisaccaridi è stata utilizzata al fine di migliorare o modulare, le proprietà viscoelastiche, la resistenza idrolitica e le performance meccaniche. L’acido ialuronico (HA) ed il gellan gum (GG) sono due polisaccaridi che trovano applicazione in campo farmaceutico e biomedico. L’HA è un polisaccaride lineare costituito da unità ripetitive di acido D-Glucuronico […]

Uso combinato della reologia e dell’NMR a basso campo per la caratterizzazione di matrici polimeriche

Sommario, Molte matrici polimeriche hanno una struttura reticolare tridimensionale formata dalle catene che non possono essere singolarmente disciolte in quanto vincolate tra loro da legami chimici o fisici. In generale, sia le proprietà macroscopiche che quelle micro- e nanoscopiche delle matrici polimeriche possono giocare un ruolo importante per le applicazioni biomediche. Ad esempio, è stato recentemente osservato che, nel caso […]

Idrogeli intelligenti e sistemi autoassemblanti per applicazioni nel rilascio controllato e nella medicina rigenerativa

Sommario Gli idrogeli sono sistemi costituiti da una rete tridimensionale di catene di polimeri che possono rigonfiare in presenza di acqua o fluidi fisiologici. Grazie alle loro peculiari proprietà, come il loro alto contenuto di acqua e il possibile controllo sulla cinetica di rigonfiamento, gli idrogeli hanno attirato grande interesse per diverse applicazioni biomediche (Borzacchiello et al., Biomaterials from nature […]

Studi reologici come strumento di valutazione delle proprietà macroscopiche dei sistemi vescicolari e del loro effetto sulla pelle

Sommario I liposomi sono vescicole lamellari nanometriche di forma sferica che si ottengono a partire dai fosfolipidi che, in ambiente acquoso, si organizzano in doppi strati chiusi su sé stessi così da limitare il contatto delle porzioni idrofobiche con il mezzo esterno. Possono essere formate da uno o più doppi strati e sono in grado di incorporare e trasportare molecole […]

Idrogel polisaccaridici per applicazioni biomediche: proprietà e caratterizzazione reologica

Sommario Gli idrogel polisaccaridici rappresentano una importante classe di materiali fra quelli utilizzati nel mondo della salute poiché, grazie alla loro preponderante componente acquosa e ad una generale biocompatibilità della componente polimerica, sono in grado di interagire in modo positivo con i sistemi cellulari. Inoltre, essendo in grado di mimare la componente extracellulare meglio di molti altri sistemi sintetici, tali […]

Proprietà reologiche di idrogel polimerici contenenti nanoparticelle

Sommario Da lungo tempo gli idrogel polimerici sono stati oggetto di studio scientifico e hanno trovato largo impiego in campo biomedico e farmaceutico, mentre solo in tempi recenti si è sviluppato un crescente interesse per le possibili applicazioni di nanoparticelle di tipo diagnostico e terapeutico. Negli ultimi 10 anni, anche al fine di superare i limiti o i problemi legati […]

L’analisi reologica nello sviluppo di formulazioni liquide mucoadesive e/o gelificabili in situ

Sommario Con il termine mucoadesione si intende l’adesione di un materiale a una mucosa o ad una superficie rivestita da muco. Le formulazioni mucoadesive, permettendo una prolungata permanenza del farmaco veicolato al sito d’azione o assorbimento, sono in grado di migliorare la disponibilità/bio-disponibilità dello stesso. Il fenomeno della mucoadesione viene conside-rato come il risultato di due fasi: nella prima fase si […]

La caratterizzazione reologica nello sviluppo di un cerotto transdermico

Sommario I cerotti transdermici sono forme farmaceutiche adesive a rilascio prolungato destinate ad essere applicate sulla pelle. Per assicurare il corretto assorbimento del principio attivo devono permetterne il rilascio ed aderire alla pelle per l’intera durata del trattamento. Infatti, se il cerotto si solleva o si stacca parzialmente, l’assorbimento del principio attivo è ridotto e il trattamento può risultare inefficace. […]

Estrusione e stampaggio dei materiali polimerici termoplastici applicati allo sviluppo di nuove forme di dosaggio: reologia e processabilità del materiale

Sommario Negli ultimi anni l’interesse verso l’uso di materiali polimerici termoplastici e delle relative tecnologie di trasformazione per la realizzazione di nuovi sistemi di dosaggio di farmaci è molto cresciuto, in virtù della grande varietà di forma e dimensioni dei prodotti ottenibili. La corretta progettazione di un manufatto in materiale polimerico non può prescindere dall’ottimizzazione del processo di trasformazione coinvolto, […]

Estrusione e stampaggio dei materiali polimerici termoplastici applicati allo sviluppo di nuove forme di dosaggio: sistemi capsulari

Sommario Molti tra i materiali di comune impiego nella formulazione di forme farmaceutiche convenzionali e sistemi di rilascio sono polimeri termoplastici, potenzialmente lavorabili attraverso processi a caldo. L’introduzione in campo farmaceutico di tecniche di fabbricazione ampiamente impiegate per le plastiche, come estrusione a caldo (hot melt extrusion, HME), stampaggio ad iniezione (injection moulding, IM), stampa 3D mediante estrusione (fused deposition […]

Primo Workshop SIR-CRS sul tema “Reologia e sviluppo di medicinali: due mondi a confronto”

Il prossimo 15 dicembre si terrà a Roma, presso la Domus Australia, il primo Workshop SIR-CRS sul tema “Reologia e sviluppo di medicinali: due mondi a confronto”. Come accade per altri settori, anche in campo farmaceutico e biomedico la reologia può svolgere un ruolo importante, aiutando a comprendere fenomeni e compor-tamenti osservati, per affrontare e risolvere pro-blemi di carattere tecnologico/applicativo, […]

- 2006 Reologia in Calabria

Bruno de Cindio

Mi è stato chiesto di scrivere un breve intervento per Panta Rei, per illustrare il prossimo convegno nazionale di reologia, che si terrà vicino Tropea, in Calabria, dal 21 al 23 settembre del 2006. Ho pensato a come introdurre questo argomento per gli amici di sempre, e per quelli più giovani che ancora conosco poco. Ho ricordato come, qualche mese fa, ci proponemmo al direttivo SIR per portare in Calabria il convegno nazionale, accettando la sfida di una celere ed efficace organizzazione, dopo quell’ormai lontano 1999 a Falerna, che a detta di molti, sembra avere avuto un ottimo successo. Ed allora tra mille pensieri attuali e i ricordi antichi, eccoci ancora una volta qui dopo 7 anni (la crisi?), a proporre il nostro profondo Sud, come, speriamo, una piacevole opportunità di incontro, capace di coniugare insieme lavoro e distensione, scienza e piacere di stare insieme.Volevo ricordare come andremo ad immergerci nella profonda Magna Graecia, dove erano di casa filosofi greci, altri rispetto allo stravagante Eraclito l’Oscuro, a cui fu dedicato il motto Panta Rei, preso a simbolo della Reologia e del nostro giornale, ma non per questo meno storicamente affascinanti. Ricordiamo tra i molti, Pitagora che transfuga da Samo, fondò a Crotone la sua scuola, e che per primo coniugò scienza e matematica, intese la terra come una sfera ed altre più complicate e dimenticate cose in particolare sui numeri,ma forse più noto e ricordato per le prime difficoltà incontrate da noi, generazione di bambini senza calcolatrice, nell’apprendere le famigerate tabelline, che i più bravi, con un certo malcelato masochismo, cercavano di estendere fino a 12 o anche oltre. E ricordiamo, ma forse non tutti, il crotonese Alcmeone, pioniere della medicina sperimentale, che scoprì gli organi del senso (!) e le vie di conduzione nervosa periferica e centrale, o il più famoso pluri-olimpionico Milone. Insomma la tentazione di parlare di Hipponion (Vibo Valentia) o di Tropheum (Tropea), per solleticare il vostro interesse a partecipare al nostro convegno è stata molto forte. Ed invece in questo momento mi viene in mente solo il mio concittadino napoletano scrittore Peppe Lanzetta, con il suo libro “Figli di un Bronx minore”, nell’episodio di “Almodovar a Cosenza”, in cui dopo aver inneggiato ad “..Arcavacata mon amour, con il tuo verde, i tuoi dipartimenti, le tue maisonettes…” dove “ la notte.si mischiano gli odori e Ingegneria va a Lettere e Matematica va a Fisica..”, rivolge uno struggente invito ad una improbabile studentessa Concetta, a non fuggire dalla Calabria:“Tieni duro, Concetta, la Calabria sei tu, non scappare, non nasconderti, parla se vedi, dì quello che senti, non lasciare le zagare e i gelsomini, i bergamotti e l’aspra tua terra …non lasciare che passino gli anni, non sfiorire, ti prego, perché ci sarà sempre un treno che scenderà dalle tue parti e per chi lo perde c’è sempre la vecchia Salerno-Reggio Calabria che quando sei arrivato a Sibari è bello che ci sei, sei arrivato, devi solo scegliere se uscire a Cosenza nord o sud …oddio se sbagli non è poi la fine del mondo..”. Ecco quando si sta qui per tanto tempo, si comincia a condividere profondamente questo sentimento e a capire veramente cosa sia la fuga e non l’esportazione dei cervelli. Noi vi stiamo invitando a contribuire con la vostra partecipazione al Convegno, ad una lunga marcia intrapresa per ridare la dignità ad un sud, dove la cultura era fiorente 2500 anni fa, e dove invece l’Università della Calabria, ha solo 30 anni! Il IX Convegno Nazionale di Reologia si terrà lungo la costa tirrenica, in un paesino chiamato Bivona, posto tra i due ben più noti centri turistici di Pizzo e Tropea, per cui occorrerà volutamente sbagliare l’uscita dell’autostrada e scendere ancora più giù di Cosenza Sud, lungo l’autostrada, che serpeggiando tra il verde delle montagne, tra salite e discese, arriva fino al mare “..ma intanto ci sei, non stai a New York e nemmeno a Singapore, ma chi se ne frega se sto bene così…”. Aggiungerei che tutto ciò, fa dimenticare i sempre aperti cantieri autostradali e i disagi endemici di questa terra definita non a caso, l’ombelico del mediterraneo. Per noi è un piacere ospitare questo evento scientifico, perché simbolo del riconoscimento che nel nostro piccolo, contribuiamo a scoprire questa terra, e a non far fuggire le molte studentesse Concetta che la abitano. L’organizzazione del Convegno ripercorrerà la ormai collaudata formula dell’unica sessione così da rendere possibile uno stretto scambio di idee tra i delegati, spingendoli verso mutue sinergie, sempre utili in un campo scientifico molto diversificato, intervallando i momenti scientifici con qualche gradito evento sociale.

Allora cari amici vi aspettiamo con grande impazienza a settembre, certi di poter soddisfare le vostre e nostre attese. (informazioni e tutto il resto sono reperibili sul sito della SIR.)